Può il design di un ufficio instagrammabile attirare i giovani lavoratori?

Può il design di un ufficio instagrammabile attirare i giovani lavoratori?

All’interno della sala conferenze “blueberry muffin”, le pareti sono, naturalmente, dipinte di blu. Non un blu qualsiasi: è il colore rilassante che potresti trovare nella cameretta di un bambino, quello a cui la vernice può riferirsi come «mare al mare splendente». Ad ancorare la stanza c’è un tavolo, rosso e oblungo, adornato con finte piante grasse in vasi viola.

Nelle vicinanze si trova la sala conferenze «fruttata», con pareti rosse «razzle dazzle» e sedie vintage rivestite in tessuto stampato giallo ananas. In fondo al corridoio c’è il «maple waffle», la stanza in cui l’azienda tiene i suoi incontri più seri con gli investitori. Lì, le pareti sono di una tenue tonalità di marrone.

Questo è l’ufficio del marchio di cereali Magic Spoon, che è stato introdotto nel 2019 e, a partire dallo scorso anno, ha richiamato i suoi circa 50 dipendenti al lavoro di persona, almeno due giorni alla settimana. Nello spazio SoHo di Magic Spoon, progettato proprio in occasione della spinta del ritorno in ufficio dell’azienda, le sale conferenze sono pensate per sembrare scatole di cereali.

«Uno dei valori fondamentali della nostra azienda è: ‘Sii un Froot Loop in un mondo di Cheerios'», ha affermato Greg Sewitz, cofondatore di Magic Spoon. «Volevamo che l’ufficio lo sottolineasse.»

Il loro spazio riflette anche ciò che designer, dirigenti e lavoratori descrivono come una tendenza non del tutto nuova, ma che ora sta diventando il punto di riferimento tra alcune start-up, aziende tecnologiche e altri datori di lavoro facoltosi in lizza per giovani talenti. È quello che potrebbe essere chiamato l’Envy Office: ciò che accade quando le aziende cercano di combinare i comfort di un soggiorno e il glamour di una vacanza. Questi spazi, spesso caratterizzati da pareti colorate, mobili imbottiti e libri da tavolino attentamente curati, attirano i lavoratori con molte opportunità per riempire i loro feed social con foto scattate sul posto di lavoro.

«Prende spunto dalla casa, dall’ospitalità, da Pinterest», ha affermato Jordan Goldstein, co-direttore di Gensler, uno dei più grandi studi di architettura del mondo, dove i clienti ultimamente chiedono verde e sedute morbide. Ha citato, come esempio, la nuova sede del Marriott, che Gensler ha ridisegnato per incorporare divanetti, angoli biblioteca e un albero che cresce al centro della hall. Gensler ha recentemente ristrutturato in questo stile anche gli uffici di Barclays, Pinterest e LinkedIn.

Ad alcuni dipendenti, però, tutte le piante finte, i muri decorativi e le eleganti cucce per cani a volte sembrano progettate per mascherare l’inconveniente di soluzioni salvaspazio come le scrivanie calde, dove i lavoratori non hanno più i propri spazi di lavoro assegnati.

Prima dell’avvento del lavoro a distanza, le designer dietro l’ufficio di Magic Spoon, Laetitia Gorra, 41 anni, e Sarah Needleman, 33 anni, erano le designer del club sociale femminile The Wing, un caratteristico palazzo millenario intriso di rosa di cuscini e colori. scaffali codificati, che hanno chiuso l’anno scorso. Nel 2020, la signora Gorra ha fondato lo studio di design Roarke, con la signora Needleman a gestire le sue operazioni. Il duo aiuta i dirigenti a capire come dovrebbe essere un ufficio in un momento in cui molti lavoratori non sono convinti di doverci andare.

«La nostra proposta è incentrata sulla fidelizzazione dei dipendenti», ha affermato la signora Gorra. «Veniamo dal lavorare sui nostri divani con pantaloni da yoga: cosa possiamo fare per far sì che i tuoi dipendenti vogliano tornare in ufficio?»

È un ciclo che i lavoratori americani hanno già visto in precedenza: quando le norme lavorative cambiano, il design dell’ufficio va con loro. Infatti, in un sondaggio condotto da Gensler lo scorso anno su circa 14.000 lavoratori in tutto il mondo, quasi il 40% ha affermato che i loro datori di lavoro hanno riprogettato i propri uffici durante la pandemia.

«Se guardi alla storia dell’ufficio, stai guardando la storia del cambiamento di atteggiamento verso ciò che costituisce il lavoro, chi dovrebbero essere i lavoratori», ha detto Craig Robertson, storico dei media e autore di «The Filing Cabinet». “Il design di un ufficio è modellato dai valori sociali dominanti.”

Come per ogni precedente evoluzione dell’estetica del posto di lavoro, inclusa quest’ultima tendenza, molti manager stanno anche cercando di raggiungere un obiettivo più semplice: convincere le persone a trascorrere del tempo in ufficio.

Poco più di mezzo secolo fa, la novità più brillante della vita in ufficio era il cubicolo.

Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, la forza lavoro dei colletti bianchi americani era in aumento, sostenuta da un’economia in forte espansione e dall’afflusso di donne sul posto di lavoro. Gli “scienziati” del management, come Frederick Winslow Taylor, ossessionato dall’efficienza, avevano in precedenza spinto le aziende a trattare il lavoro dei colletti bianchi più come il lavoro di fabbrica. Entra nell’Action Office: mobili per ufficio modulari, che sono diventati cubi che stipavano le persone strettamente insieme.

Le fattorie cubiche, secondo storici dell’ufficio come Nikil Saval, ricordavano alle persone il loro posto nella struttura del potere, con i piani alti in genere a cui veniva assegnato più spazio.

“Eri circondato da centinaia di persone come te”, ha detto Sheila Liming, professoressa associata al Champlain College e autrice del libro di storia del design “Office”. «Hai l’idea di essere replicabile.»

È difficile guardare una fattoria di cubicoli e immaginare che susciti il ​​tipo di idee fuori dagli schemi che le aziende desideravano nel mondo tecnologico degli anni ’90, dopo che Bill Gates e Paul Allen avevano mitizzato gli inizi di Microsoft all’interno di un garage. Le start-up tecnologiche volevano che i lavoratori uscissero dai loro cubi sterili e provassero un senso di proprietà sul proprio lavoro, un senso di crescita potenziale infinita.

Questa è stata in parte l’idea che ha dato vita a una nuova fase della progettazione degli uffici: l’utopia tecnologica. Carolyn Chen, una sociologa che ha trascorso anni studiando la vita nelle aziende tecnologiche della Bay Area, ha notato alcuni degli elementi fisici che distinguevano i loro campus. C’erano snack gratuiti (tazze di burro di arachidi, patatine, mango essiccato) e talvolta alcolici (birra, frosé). C’erano capsule per il pisolino e poltrone massaggianti.

La signora Chen ha visto un’azienda spendere parte del suo budget di progettazione per rendere l’ufficio più sgangherato. Ha pagato soldi per esporre i suoi mattoni e tubi, inviando il messaggio ai lavoratori che dovrebbero adottare una mentalità da start-up e fare gli straordinari.

E poiché gli uffici tecnologici dei primi anni 2000 erano spazi sociali – con happy hour e videogiochi – la conclusione per alcuni lavoratori era che non avevano bisogno di tornare a casa per trovare svago o comunità.

«Quando si pensa al modo in cui Google ha rivoluzionato l’ufficio, si tratta dell’idea che ci fosse un invito permanente per i lavoratori non solo a svolgere il proprio lavoro ma anche a trascorrere lì il proprio tempo libero», ha affermato la signora Liming. “La parola campus è davvero operativa.”

Ma se c’è qualcosa di più attraente di un campus, è lavorare dal letto. Quindi, quando è arrivata la pandemia e gli uffici sono diventati case letterali anziché figurative, i manager hanno dovuto ripensare cosa significasse rendere l’ufficio una destinazione allettante.

Quando il team di Magic Spoon si è trasferito nel nuovo ufficio all’inizio di quest’anno, Sarah Bourlakas, 26 anni, che era la senior social e community manager, ha scattato una foto da pubblicare sulla sua storia personale su Instagram con il testo: «Live from HQ».

Quella instagrammabilità non è casuale. Brooke Erin Duffy, professoressa associata di comunicazione alla Cornell University, sostiene che i datori di lavoro utilizzano l’estetica dei social media nello stesso modo in cui distribuiscono vantaggi tradizionali come la birra fredda, o meno tradizionali come il concerto di Lizzo che Google ha organizzato per i suoi dipendenti. È tutta una creazione dell’immagine aziendale. Le aziende ora vogliono che il design dei loro uffici sia visibile non solo ai dipendenti, ma anche a tutti sui social media, il che, secondo Duffy, mira a “fidelizzare i dipendenti pubblicizzando questo luogo di lavoro divertente, piacevole e iper-sociale”.

Hollywood e la televisione erano i principali siti che pubblicizzavano ai giovani il fascino della vita in ufficio, ha osservato la signora Duffy. C’erano «Il diavolo veste Prada», «Mad Men», «The Internship», «The Mary Tyler Moore Show», «The Social Network».

Ora i social media sono sempre più il luogo in cui le persone vanno per romanticizzare la vita in ufficio, in particolare su TikTok, dove i creatori di contenuti come “Natalie aziendale” riff sulle buffonate professionali che molti giovani, che iniziano la loro carriera durante la pandemia, devono ancora sperimentare. Secondo risultati coerenti di più della metà dei lavoratori afferma di trarre un senso di identità dal proprio lavoro Sondaggio Gallup dal 1989 al 2014. Non sorprende, quindi, che i giovani vogliano mettere sui loro profili di social media ciò che è così centrale per il loro senso di sé. E quanto più un ufficio è alla moda, tanto più facile è per i lavoratori trasmettere che la loro carriera è più elettrizzante rispetto alla stasi dei cubicoli raccontata in “Office Space”.

Quando la signora Bourlakas ha fotografato il nuovo spazio SoHo di Magic Spoon, i suoi follower su Instagram sembravano abbagliati.

«Così tante persone hanno commentato, del tipo ‘Oh mio Dio, è così disgustoso'», ha detto la signora Bourlakas, che recentemente ha lasciato Magic Spoon per un altro lavoro. «‘È così codificato con Magic Spoon.'»

Visitando alcuni di questi nuovi uffici Envy, dove i lavoratori si curvano su lunghe scrivanie indossando cuffie con cancellazione del rumore, si notano dei divari tra ciò che i lavoratori ottengono e ciò che dicono di volere. Hanno decalcomanie murali e collezioni di libri curate. Ciò di cui hanno effettivamente bisogno, dicono alcuni, è la privacy.

A 10 minuti a piedi da Magic Spoon, l’agenzia di comunicazione M&C Saatchi Sport & Entertainment ha un ufficio anch’esso ridisegnato da Roarke nel 2021. I lavoratori si siedono su lunghi tavoli di legno comuni davanti a mattoni a vista e circondati da una giungla di vegetazione artificiale. In cima a un libro da tavolino di Keith Haring si trova un unico grappolo di uva finta.

Maddy Franklin, 27 anni, direttore artistico senior lì, ha detto che c’erano elementi del nuovo ufficio che amava, come la sua cordialità verso i cani. Ma a causa del sistema hot-desk, non ha spazio dove riporre gli oggetti personali.

Può anche essere difficile trovare un posto con un monitor. Quando la signora Franklin sta lavorando a un grande progetto, per assicurarsi un posto molto ambito, «cercherò di arrivare in ufficio un po’ prima», ha detto.

Robin Clark, 58 anni, che lavora come direttrice marketing presso un’organizzazione no-profit sanitaria, rimpiange i giorni prima che il suo ufficio passasse a un open space. Quando la sua azienda ha effettuato una riprogettazione completa nel 2018, i dirigenti hanno cercato di rendere lo spazio invitante, creando aree lounge con divani in colori vivaci come l’arancione, il verde acqua e il lime. Ma l’assenza di barriere tra le scrivanie fa sì che la giornata lavorativa della signora Clark abbia uno sfondo incessante e rumoroso: mele che sgranocchiano, colleghi che starnutiscono. Quando ha iniziato a lavorare da casa, durante la pandemia, si è resa conto che ciò che voleva era pace e tranquillità.

Come ha detto lei: “Con le pareti dei cubicoli hai almeno la percezione di avere una certa privacy”.

Per ironia della sorte, anche altri lavoratori si ritrovano ora a provare nostalgia per l’era del cubicolo. Prendiamo Jerry Gulla, 56 anni, senior engineering manager, con sede a Winchester, Massachusetts, che ha iniziato la sua carriera nel 1989 quando i cubicoli erano la norma. Nel corso degli anni, mentre lavorava in uffici con open space e sistemi di hot desking, gli mancava la possibilità di personalizzare la sua scrivania, da solo, senza l’aiuto di un’azienda di design.

Il signor Gulla è un fan dello show televisivo «The Expanse» e aveva un modellino di nave dello show nel suo spazio di lavoro. «Qualcuno potrebbe passare e vedere che sei un fan», ha ricordato. «Quindi in un certo senso inizi una conversazione e incontri qualcuno di nuovo in questo modo.»

Per Gulla, l’ideale dell’ufficio è semplice: «È semplicemente un luogo che favorisce lo svolgimento del lavoro».

Foto del avatar

Melissa Andreina Mendoza Araujo

Entradas relacionadas

Read also x